Si dice sempre che chi ben comincia è a metà…

Si dice sempre che chi ben comincia è a metà dell’opera, se davvero così fosse, la metà è molto lontana per gli Hogs, che si presentano alla doppia sfida coi Panthers, reduci da due sconfitte. Le sconfitte però, non sono tutte uguali: se per i Red Hogs, la sconfitta è venuta al termine di una prestazione lusinghiera, dal punto di vista dell’impegno profuso e delle coesione di squadra, altrettanto non può certo dirsi per i Green Hogs, i quali sono stati spazzati via dai Seamen e surclassati in ogni singolo aspetto del gioco. Il riscatto è possibile, ma, visto l’avversario, non è dei più semplici. I Panthers sono, infatti, reduci da una doppia vittoria, sia con l’under 18, che con l’under 21. Il primo match verrà disputato alle 12  e vedrà di fronte Green Hogs e Panthers Under 21. I Panthers sono reduci dalla convincente vittoria per 36 a 0 ai danni de Frogs e sono sicuramente vogliosi di continuare su questa strada. Certo, non ci sono più fenomeni come Malpeli, Canali e Monardi, ma, visti i risultati, non sembra che i ducali ne abbiano risentito più di tanto . I Green Hogs si trovano davanti l’unica squadra che non sono mai riusciti a battere e che aveva interrotto la loro corsa nei playoff due stagioni or sono. Ai Green Hogs sono richiesti, prima di ogni altra cosa, il rispetto per la maglia ed il cuore, che sono mancati contro i Seamen e in secondo luogo, la vittoria, perché si sa che al netto dell’ipocrisia, vincere non è importante, è l’unica cosa che conta. Alle 15 e 30 sarà poi la volta dei Red Hogs, i quali se pur sconfitti, all’esordio, hanno sicuramente meno da rimproverarsi rispetto ai “maialini” più grandi. L’8 a 6 contro i Warriors ha lasciato, sì, un po’ di amaro in bocca, ma anche tante cose positive, tra le quali il touch down dell’esordiente Algeri è solo quella più evidente. Contro i Panthers under 18,vincenti all’esordio con i Doves per 8 a 0, non partiranno certo favoriti, però se daranno seguito ai progressi fatti vedere contro i Warriors, saranno sicuramente una brutta gatta da pelare anche per questi Panthers, che non perdono una partita di regular season da 2 anni. Gli ultimi capitoli della eterna sfida tra Hogs e Panthers hanno avuto sempre lo stesso triste finale, queste partite diranno a quali ambizioni possano aspirare i reggiani quest’anno e soprattutto, se gli Hogs vogliono ancora disintegrati come individui o se invece risorgeranno come squadra, come hanno sempre fatto. Al campo l’ardua sentenza.
ufficio stampa Hogs Reggio Emilia

Lascia un commento


Federazioni