HOGS – Dolphins : si va a mille !

Praticamente un’incontro di play off quello che sabato vedrà di fronte Hogs e Dolphins.
Dopo questa partita ai porcellini rimarrà l’ultima gara coi Giants Bolzano, mentre i dorici affronteranno nell’ordine Warriors, Lions e Giants. Vincere per i porcellini significherebbe comunque chiudere il campionato con un record positivo…se poi arrivasse la ciliegina della post-season, allora la stagione 2009 sarebbe strabiliante.
Le stelle della partita saranno indubbiamente il RB di casa Niles Mittash e il QB ospite Rocky Pentello. 1134 le yard corse da Niles a una media di 10,6 a portata e 1158 quelle lanciate da Rocky con uno stratosferico rating point di 156,7 (calcolato su standard NCAA). La partita è tutta qui, anche da un punto di vista difensivo: il game plane di una difesa come primo obbiettivo ha quello di annullare l’uomo più pericoloso dell’attacco avversario, poi si va a scalare. Partita da punteggi roboanti ? Non è detto. Entrambe le difese sembrano discretamente attrezzate per le caratteristiche degli attacchi che si ritroveranno di fronte. Linea di difesa e linebackers dei Dolphins saranno un’osso duro per la Wing-T di coach Hatch: il sorprendente LB Vikhnin (Junior team !) è al secondo posto assoluto tra i placcatori, con 21 interventi ma anche D’Eramo (20 placcaggi), Papasodero e la linea americana Persing sono una garanzia assoluta. La secondaria degli Hogs può contare sugli yankee Cortes e Diaz e su Caccialupi, che con 2 intercetti a testa cercheranno sicuramente di dare un qualche dispiacere a Pentello.
Nel passato 2 le sfide tra le squadre senior e precisamente nel 2005: entrambi gli incontri furono due vittorie per i Dolphins. Uno dei giocatori maggiormente motivati sarà sicuramente il TE “Alby” Tartaglia, che proprio contro i Dolphins disputò il suo primo incontro con la squadra senior, una partita che davvero gli è rimasta nella mente: perché fu la prima tra i “grandi” dopo il campionato giovanile ? Per una particolare azione ? No, per il fatto che ebbe il suo battesimo del fuoco contro la monumentale linea di difesa Paolo Belvederesi, il quale durante la partita mischiò sapientemente tecnica e brutali mazzate sul giovane rookie Tartaglia, come lui stesso ricorda:” In effetti fin dal primo down mi resi conto che sarebbe stata una giornata lunga – ricorda Alby – misi in pratica tutto quello che mi era stato insegnato, ma senza infastidirlo troppo. Ho chiesto anche consiglio su come almeno rallentarlo e mi suggerirono di tentare alcune volte il blocco basso: più o meno il risultato non cambiò e le mazzate proseguirono fino all’ultimo quarto.”
Eppure di quella partita ce ne sono ancora oggi parecchi in campo e alcuni sono gli stessi ragazzi che nel 2004 si laurearono campioni d’Italia U21 e sono stati poi la base per continuare l’attività giovanile con l’altro titolo del 2007 e il Superbowl vinto lo scorso anno nel campionato NFLI. Come del resto tanti sono i giovani inseriti nel roster di Ancona: su tutti il già citato LB Vikhnin.
Marcata anche la sfida sulle due sideline: la rivalità tra il coach ospite Luchena e l’offensive coordinator Cattini, oltre che in campo ha avuto modo di esprimersi anche all’interno delle federazioni, quando le due squadre si sono scontrate. Sono due personaggi sportivi che sicuramente si stringeranno la mano, ma col sorriso un poco tirato, come di solito si fa tra amici-nemici.
Ore 20,00 kick-off allo stadio Torelli di Scandiano: per il calendario è regular season, ma vi possiamo garantire che sarà già un play off game.

La redazione di Ultrafootball

Lascia un commento


Federazioni