Marines – HOGS : ancora all’ultimo minuto ?

A meno di un anno di distanza si ripete la sfida fra Marines e Hogs, che lo scorso giugno, alla fine di una partita tiratissima, vide i porcellini vincere la semifinale del campionato NFLI per un solo punto: 40 a 39 con la trasformazione da due punti dei romani, bloccata a meno di un minuto dal termine. Un pronostico però è davvero un salto nel buio: nel campionato IFL 2009 ogni squadra può schierare 3 giocatori americani, quindi anche le prestazioni di un team possono risultare profondamente diverse dal campionato precedente. Pericolo pubblico n°1 per la difesa degli Hogs una vecchia conoscenza del nostro campionato, il QB Nick Heyde, autentico jolly tuttofare, capace contro i Panthers di correre 139 yard e lanciarne 172: mal di testa assicurato per tutti i reparti della difesa reggiana. Non che gli altri due stranieri si possano trascurare. Il WR Simms passa i 190 cm e il LB Pruitt (ex Bergamo Lions) è grosso e veloce…sempre una combinazione sfavorevole da giocarci contro. Il gruppo dei giocatori italiani dei Marines conta molti nomi usciti dalle giovanili: La Corte e Fabrizio sono dei “giovani” veterani. Lo scorso anno, a fare la differenza, fu la capacità dell’attacco Hogs di costruire dei lunghi drive d’attacco, in quanto permise di tenere fuori del campo da gioco un‘attacco sicuramente più esplosivo e portato ai lunghi guadagni, caratteristica che dalle prime due vittorie sembra essere rimasta ai Marines, che forse potrebbero essere la vera sorpresa del campionato IFL 2009. L’obbiettivo degli Hogs in questo campionato è evidentemente quello di riuscire a giocare al meglio ogni partita, togliendosi qualche soddisfazione e magari pensare ogni tanto ai play-off, anche se il presidente Ruozzi invita tutti a rimanere sempre coi piedi per terra:” Quest’ anno -ci spiega- la sfida è anche per la nostra struttura societaria: campionato, Challenge Cup, l’ingaggio dei 3 giocatori dagli USA. Il tutto continuando a perseguire la nostra politica di lavoro sul settore giovanile, con un 80% del roster della U 21 inserito in prima squadra. Uno dei nostri CB titolari (Caccialupi ndr) viene ad allenamento con una vespa 125: ha 17 anni. Inutile negare il fatto che il tasso tecnico del campionato con la presenza dei giocatori americani e di parecchi dei migliori talenti italiani, sia molto più alto rispetto allo scorso anno. Questo però deve rappresentare uno stimolo, per la società, i giocatori e il coaching staff. Come lo scorso anno sono favoriti i Marines…speriamo però vada a finire nello stesso modo.” Di parte, ma comprensibile l’augurio del presidente Ruozzi. Sulla sideline romana sarà ancora schierata una delle colonne del football capitolino: il LB n° 57 Capata, titolare della fortissima difesa dei Gladiatori Roma, che negli anni 90 arrivarono ben 3 volte in finale. Motivazioni da vendere per questo grande campione, che sicuramente riuscirà a trasmetterle ai compagni in campo. Sulla panchina Hogs si spera riesca a trovare posto la giocatrice di beach volley Martina M. (attualmente infortunata alla caviglia): romana, ma in contatto su facebook con la linea di difesa degli Hogs Alessandro Bussei ha già dichiarato che le piacerebbe assistere alla partita sulla sideline reggiana. Speriamo in uno sforzo della dirigenza Hogs per accontentarla.

Lascia un commento


Federazioni